fbpx
Salta al contenuto Skip to sidebar Skip to footer

Weekend a Procida tra colori, mare e limoni

Per fare un weekend a Procida non c’è un periodo giusto, l’isola è bella in ogni momento dell’anno. Certamente, la tarda primavera e la fine dell’estate sono i momenti migliori per godersela senza ressa e troppo caldo.

Procida, eletta “capitale della cultura” per il 2022, è un gioiellino: bella e accogliente, ma allo stesso tempo semplice e poco pretenziosa, molto diversa dalle vicine Capri e Ischia. È davvero piacevole passeggiare per i suoi vicoletti stretti, fotografare le casette colorate, crogiolarsi al sole tra un bagno e l’altro, assaggiare le tante specialità gastronomiche dell’isola, come la lingua di bue o l’insalata di limoni.

È questo e molto altro Procida, e pensare che si trova a poche decine di minuti di aliscafo da Napoli, godibilissima anche per un solo fine settimana di relax. Piccola curiosità: Procida è uno dei luoghi più colorati al mondo. Pare che si siano scelti tanti colori diversi per permettere ai pescatori di riconoscere dal mare la propria casa.

Ho scelto di visitare questa bella isola in un weekend di metà giugno, per il mio compleanno, insieme a mio marito. Il piccolo, un po’ a malincuore (ma non troppo) a casa con la nonna!

Ah, io non chiederei di essere un gabbiano, né un delfino; mi accontenterei di essere uno scorfano, ch’è il pesce più brutto del mare, pur di ritrovarmi laggiù, a scherzare in quell’acqua”.

 

Elsa Morante, L’Isola di Arturo

 

Ecco tutte le cose che mi sono piaciute nel weekend a Procida.

Assaggiare la lingua di bue, il dolce tipico dell’isola

È perfetto per la colazione o una gustosa merenda nel pomeriggio: si tratta di pasta sfoglia farcita con crema di limone o cioccolato e ricoperta di granella di zucchero Le migliori le trovate al Bar del Cavaliere e al Bar Roma. Sono uno di fronte all’altro a Marina Grande nei pressi del porto.

Concedersi un pranzo, o una cena con vista

Il ristorante più panoramico di Procida è sicuramente la Lampara, alla fine di via Marina di Corricella, nel punto più alto. Se fate un weekend a Procida è una tappa immancabile. Una grande terrazza, ventilata, e di fronte a voi il mare blu, le barche e le casette color pastello. L’atmosfera è romantica, si mangia bene, e il conto è adeguato.

Cenare a pochi passi da mare

Andate sulla spiaggia della Chiaiolella per una romanticissima cena al tramonto, con i piedi quasi nella sabbia. Noi abbiamo provato sia Girone che Vivara e siamo rimasti molto soddisfatti. Più rustico ed economico il primo, più “fighetto” e ricercato il secondo, ma entrambi buoni. Da Girone ottimi gli spaghetti con i polipetti e l’insalata di limoni. Da Vivara ho mangiato un buonissimo calamaro ripieno.

Crogiolarsi al sole sulla spiaggia del Postino

Eccoci, nella spiaggia più famosa dell’isola, Pozzo Vecchio. Qui Massimo Troisi ha girato alcune scene del film “Il Postino”, con il primo incontro tra Mario, Troisi, e Beatrice, interpretata da Maria Grazia Cucinotta. È una bella baia riparata, con acqua pulita, spiaggia libera e attrezzata e c’è anche un baretto. La sabbia è scura, come tutte le spiagge dell’isola.

Percorrere il ponticello che porta all’isolotto di Vivara

Tra Procida e Ischia c’è un’isola piccina picciò: è Vivara, un’oasi naturalistica, ora privata, collegata a Procida da un ponte pedonale. Purtroppo l’isoletta è in questo momento chiusa al pubblico e non vi si può accedere, ma vale comunque la pena percorrere il ponticello per godere di un bellissimo panorama.

Guadagnarsi un bel bagno scendendo i 180 gradini che portano alla spiaggia della Chiaia

Siamo vicinissimi alla Corricella, ma la spiaggia è piuttosto isolata, si raggiunge o con una bella scalinata o via mare. Ci sono i lettini e gli ombrelloni della “Conchiglia”, dove potete fermarvi anche a mangiare, e la spiaggia libera. Il panorama è da cartolina: rocce e fichi d’india, il mare blu, i colori della Corricella, Terra Murata, il nucleo più antico dell’isola. Altra tappa imperdibile di un weekend a Procida!

Noleggiare le e-bike e fare il giro dell’isola

Con le e-bike non farete fatica e vi farete un’idea di Procida godendo di strepitosi panorami e di scorci suggestivi. Procida è grande solo 3,7 mq ci vuole davvero poco tempo per girarla tutta e ne vale assolutamente la pena! Lungo la strada troverete diversi belvedere, uno tra tutti il Belvedere Elsa Morante, con una vista bellissima su Corricella, Terra Murata e spiaggia di Chiaia. Potete noleggiare le bici a Marina Grande, oppure rivolgetevi in hotel o, se affittate un appartamento, al padrone di casa che certamente saprà darvi una mano.

Passeggiare tra i vicoletti della Corricella

Qui vi aspettano stradine di ciottoli in salita, le barche e le reti dei pescatori, i tavoli dei ristoranti a pochi passi dall’acqua, il profumo del mare. Sembra di essere dentro un quadro.

Visitare Terra Murata

Vale la pena fare la lunga salita che porta quassù, facendo ovviamente una sosta al Belvedere dei Cannoni: i panorami sulla Corricella e sul golfo sono strepitosi, e dopo un po’ di fatica arriverete al punto più antico dell’isola, una fortificazione costruita nel Medioevo per proteggere gli abitanti dell’isola dagli attacchi dei saraceni. C’è Palazzo D’Avalos, l’antico carcere borbonico, chiuso dagli anni ’80 ma visitabile, e l’abbazia di San Michele Arcangelo : in entrambi potete usufruire della visita guidata. Rinfrescatevi con una granita di limoni di Procida e, scendendo, fermatevi Piazza dei Martiri, con la sua bella terrazza panoramica. Troverete anche un alimentari che fa ottimi panini, ideali da portare in spiaggia per pranzo.

Dulcis in fundo…Procida dal mare

Affittare una barchetta è un modo bellissimo e alternativo per godere delle bellezze dell’isola e della sua acqua blu.

Come arrivare a Procida?

A Procida si arriva da Napoli e da Pozzuoli. Partendo dal porto di Napoli, ci sono due possibilità:

  • Traghetto, circa 1 ora, con partenza da Calata Porta di Massa
  • Aliscafo, durata circa 40 minuti, con partenza dal Molo Beverello

Dal porto di Pozzuoli si arriva in traghetto in circa 40 minuti.

 

Dove dormire a Procida?

Non ci sono grandissimi hotel, ma tanti b&b e appartamenti in affitto. Per gli amanti del genere c’è anche un bel glamping.

Per il nostro weekend a Procida abbiamo scelto un piccolo appartamento, in mezzo all’isola, comodo perché equidistante da tutti i punti di interesse. Alla Luna nel Pozzo ci siamo trovati benissimo. L’appartamento si trova in via Elleri, uno stretto vicoletto: ci si arriva dal porto con il bus L1 in circa 10 minuti. Era molto pulito e fornito di tutto ciò che può servire nel soggiorno (e anche di più!). I due terrazzi permettono di godersi il panorama e il tramonto sul mare, si può fare colazione all’aria aperta nella massima tranquillità. Fabio, il proprietario, è una persona squisita, ci ha accolto benissimo e dato tutte le indicazioni per vivere al meglio l’isola.

Come muoversi a Procida?

Noi abbiamo scelto di girare l’isola con le biciclette elettriche, su consiglio di Fabio che ha anche provveduto a procurarcele. Procida è piccolina, e la bici elettrica è perfetta per godere di ogni scorcio senza stancarsi troppo.

Siete pronti a salpare per fare un weekend a Procida?

Vi piacciono le isole? Date un’occhiata agli articoli che ho scritto su cosa fare a Ponza, dove dormire e cosa mangiare.

Lascia un commento

error: Contenuto protetto!!